Festa del Ringraziamento: appuntamento annuale rispettato

MAFALDA. L’appuntamento con la festa di Ringraziamento a Mafalda è uno di quegli eventi che sono attesi con trepidazione durante tutto l’anno. La chiesa addobbata a gran festa, luci accese, fiori colorati e banchi pieni sono stati il benvenuto tributato a monsignor De Luca che, come di consueto, come ogni anno, ha onorato il centro basso molisano della sua presenza. Esemplare e formativa la sua omelia nella quale ha dapprima delineato i contorni di una figura portante ed emblematica per tutto il mondo cristiano come quella dell’apostolo Andrea, e successivamente non ha mancato di sottolineare l’importanza e la necessità di ringraziare il Signore, non solo in occasioni come quella che si stava celebrando, ma sempre durante il corso della vita di ogni cristiano. Finita la messa, il fulcro della manifestazione è diventato l’atto di benedizione dei trattori. Davvero commovente la sfilata rumorosa ma composta delle macchine e della loro imponenza dinanzi al sagrato della chiesa dove il vescovo, con l’ausilio di Don Nicolino Calvitti, impartiva la benedizione. Terminata la funzione religiosa è stata la volta della cena dei soci organizzata, come da ricorrenza annuale, dalla Coldiretti. Questa è stata anche l’occasione per discutere dei problemi dell’agricoltura locale e per illustrare le inedite prospettive delineate dal Piano di Sviluppo Rurale e dalla nuova Pac. Mentre la gradita presenza dell’assessore Facciolla si è limitata alla funzione religiosa, nel piccolo dibattito che ha preceduto il momento conviviale ha preso la parola il presidente della sezione comunale di Coldiretti Romolo Zara il quale, dopo i saluti ed i ringraziamenti di rito, ha presentato gli ospiti di rilievo: il presidente regionale di Coldiretti Giovanni Monaco ed il direttore Francesco Rossi. Eccelso e non privo di qualche nota critica nei confronti delle istituzioni è stato l’intervento del presidente Monaco il quale, dopo aver illustrato le battaglie che la sua associazione di rappresentanza ha fatto negli ultimi tempi, ha dato qualche piccolo spunto di riflessione sulle prospettive delineate dal nuovo Psr. Rossi invece ha preferito concentrare il suo contributo su alcune problematiche che affliggono l’allevamento molisano e di come potrebbero e dovrebbero essere risolte. Successivamente è stata la volta delle istituzioni, rappresentate ed incarnate da Egidio Riccioni che nell’occasione si è presentato nella doppia veste di Sindaco di Mafalda e Consigliere della provincia di Campobasso. Nel suo intervento, dopo aver dimostrato la massima disponibilità nei confronti della categoria degli agricoltori, ha voluto polarizzare l’attenzione sulla centralità che le strade e più in generale i collegamenti ricoprono anche all’interno del settore primario. L’ultima dissertazione invece è stata quella del rappresentante di zona Nicola Cimini che ha voluto sottolineare la bellezza della manifestazione e soprattutto l’importanza della presenza di giovani imprenditori all’interno della Coldiretti stessa. Terminato il dibattito, dopo la benedizione impartita da Don Nicolino Calvitti, la serata è proseguita e terminata con la cena sociale.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...