Riapertura al traffico della fondovalle Trigno: ci siamo quasi!

MAFALDA. Pubblico il mio articolo apparso su termoli on line al link

http://www.termolionline.it/196998/riapertura-al-traffico-della-fondovalle-trigno-ci-siamo-quasi/

Questi giorni di tiepido sole e brezza invernale, seguiti all’emergenza maltempo di dieci giorni fa, sono manna dal cielo per i lavoratori che stanno riparando il tratto della strada statale 650, meglio conosciuto come “trignina”, che è crollato sotto il peso e le martellate delle copiose piogge. I disagi  seguiti al disastro sono stati notevoli: per non rischiare un blocco della circolazione tra l’Alto Molise e la costa, con i conseguenti danni economici che ne sarebbero derivati, il traffico è stato deviato, una volta rientrata l’emergenza, sulla tratta più comoda e, si fa per dire, meno disastrata Mafalda –Montenero di Bisaccia, in territorio molisano.

Qui però, per fare il punto della situazione, è necessario scindere il panorama in due tronconi, come le due regioni interessate che operano e agiscono forse con lo stesso fine ma con uomini e modalità diverse. Sulla sponda molisana alcuni esponenti della provincia si erano esposti già nei giorni scorsi dicendo che, una volta ripristinata la normale circolazione dei mezzi, sarebbero stati effettuati immediatamente lavori sulle strade interessate per una somma pari a centocinquantamila euro, ai quali dovranno essere aggiunti altri due milioni e mezzo che verranno spesi però con i tempi e le modalità necessarie perché le cifre sono ancora da appaltare.

Dall’altro lato invece la situazione pare essere più movimentata e scintillante. In seguito alle protese dei sindaci dell’alto – vastese, la Prefettura di Chieti ha aperto un tavolo di crisi al quale si sono seduti, i rappresentanti regionali e provinciali, i sindaci dei comuni di Fresagrandinaria e Lentella, esponenti dell’ Anas, del Genio Civile, della Polizia di Stato e dei Carabinieri. Inevitabilmente si è parlato della riapertura al traffico della fondovalle ma le notizie appaiono ancora imprecise e discordanti. Pare infatti che l’ingegner Mascitelli, responsabile dei lavori, abbia detto, proprio in occasione del tavolo di crisi, che, se i lavori non dovessero avere imprevisti, la strada sarà riaperta al traffico nella giornata di domenica.

Fonti diverse invece dicono di un incontro, tenutosi a Fano in occasione della presentazione di alcune grandi opere in terra marchigiana, tra il vice ministro alle Infrastrutture Nencini ed una delegazione del Psi vastese, rappresentato dall’assessore della giunta Lapenna Carmine Masciulli e dal coordinatore regionale Gabriele Barisano. Anche in questa circostanza, dopo le rassicurazioni del vice ministro, viene fuori un comunicato, a firma dello stesso Barisano, il quale annuncia la riapertura al traffico della trignina addirittura per la giornata di domani. Intanto, al di là dei pareri e dei tempi leggermente discordanti, una cosa è certa: nonostante i recenti divieti, la provinciale Mafalda – Montenero di Bisaccia sta diventando una grattugia ed il malcontento di quelle persone che vivono in questi due centri abitati sempre più evidente ed indigeribile.

Andrea Mastrangelo

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...