Prima sconfitta per il Mafalda Calcio

MAFALDA. La sconfitta lascia sempre un amaro indigeribile in bocca, soprattutto se arriva dopo una prestazione discreta e contro una diretta concorrente per la vittoria finale. La sconfitta però spesso è anche maestra, insegna umiltà, stimola cuore e carattere, fa crescere e fortifica. Il calcio giocato torna al Comunale dopo due settimane di stop dovute alle avverse condizioni meteorologiche e porta in scena, alla prima di ritorno, la partita tra il Mafalda Calcio ed il Chiauci. L’intera prima frazione di gioco è stata caratterizzata da uno studiarsi reciproco che ha prodotto poche occasioni da rete per parte e che a visto, come si direbbe nel nobile pugilato, prevalere i padroni di casa ai punti. Di riguardo risultano alcune conclusioni di Gentile dalla trequarti, un gol annullato agli ospiti per un fallo commesso ai danni della roccia Marco Di Pinto ed infine l’esemplare gesto di Fair Play del capitano Lamelza il quale, in un’azione d’attacco, ha preferito buttare la sfera al lato permettendo così i soccorsi sull’abbattuto attaccante avversario. Nella ripresa inizia a vedersi un po’ d’azzardo e la partita diventa più briosa, soprattutto dopo gli ingressi di “Pisolo” Fabrizio e del “Professore in pensione” Mastrangelo. Al settimo infatti, proprio dai piedi del centrocampista giallonero parte l’azione corale che porta al vantaggio momentaneo siglato dall’intraprendente “K” Simigliani il quale, su cross di Mastrangelo, si fa trovare pronto e batte il portiere avversario. Il Chiauci però è squadra che non molla mai e lo dimostra sin da subito siglando, esattamente tre minuti dopo, il gol del pareggio. Qui la partita si accende, le due compagini si mordono a vicenda ma è nuovamente il Mafalda a passare in vantaggio, questa volta su calcio di rigore procurato da Simigliani (il suo tiro finisce sulla mano del difensore centrale del Chiauci) e realizzato da “Magic Box” Gentile che arriva, in solo due partite, a quota sei centri. Il match continua ad essere avvincente e combattuto fino a quando il Chiauci, con carattere e determinazione, al venticinquesimo riesce ad agguantare nuovamente il pareggio. Qui finisce la partita dei padroni di casa. Da questo momento in poi sono venute meno le forze, è venuta meno la grinta e sono emersi, forse per colpa degli occhi rossi annebbiati dalla fatica e dal sudore, egoismo e rassegnazione. È mancata soprattutto la lucidità che avrebbe permesso un gioco di squadra quantomeno armonico. La realtà dei fatti dice a chiare lettere che il Mafalda Calcio non riesce a sfruttare, merito anche di un portiere avversario in gran forma, l’unica occasione da gol concessagli, mentre gli ospiti approfittano, con il loro fantasista, di uno svarione difensivo per siglare il gol del definitivo tre a due.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...